Testo di “chitarrata”

Chitarrata (Salvatore di Giacomo)
music/musica (c) 2016 Farmboy (Antonio Bonifati)
lyrics/testo (c) Salvatore di Giacomo (1860-1934)
distributed under the CC BY-NC-SA 4.0 license
distribuito con licenza CC BY-NC-SA 4.0
------------------------------------------------

"Solo la semplicità viene direttamente dal cuore."
-- Farmboy


Chella ca sta chitarra sta sunanno
[oppure: Chello ca 'a sta chitarra stu sunanno]
(Quella che questa chitarra sta suonando)

canzona malinconica nun è; (canzone malinconica non è)

suspire e chianto nun m'abbrucarranno..,
(sospiri e pianto non mi faranno la voce rauca)

te può mettere a ssentere, Cuncè.
(ti puoi mettere a sentire, Concetta)

Parole dint'/'int' 'e llacreme (a)mmiscate,
(Parole e lacrime mischiate)

bella 'mbriana (*) mia, cheste nun so':
(bella Imbriana mia, queste non sono)

nun so' lamiente eterne e disperate,
(non sono lamenti eterni o disperati)

‘o/ca ssaccio ca llamiente nun ne vvuò,
(lo so che lamenti non ne vuoi)

Capace te si' fatta finalmente;
(Ti sei disposta finalmente)

te si' ddicisa e mme ll'hê fatto ddì..
(ti sei decisa e me l'hai fatto dire)

"Venesse martedì, sicuramente..."
(Venisse martedì, senza dubbio...)

E vvì/obbì cca, so' benuto/vvenuto.. è martedì..
(e guarda qua, sono venuto... è martedì..)

Sona chitarra ! Sona 'a serenata !
(Suona chitarra! Suona la serenata!)

E a sta fenesta affaccete, Cuncè !
(E a questa finestra affacciati, Concetta!)

Guarda che luna ! Guarda che nuttata !
(Guarda che luna! Guarda che nottata!)

E sta canzona mia, dimme..comm'è..?
(E questa canzone mia, dimmi.. com'è?..)

(*) riferimento alla Fata Imbriana,
protettrice del focolare domestico